La classe energetica degli edifici: riconoscerla e migliorarla

03 Dicembre 2015 - Redazione

Vota

Voto 4 su 2 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

La classe energetica degli edifici è indicata con lettere che fino ad ottobre 2015 andavano dalla A+ alla G, mentre adesso sono passate da sette a dieci, dalla A4 (la migliore) alla G (la peggiore), assegnate in base al fabbisogno di energia che l’edificio stesso richiede per riscaldarsi, in base ovviamente anche ai metri quadri di superficie. L’attribuzione della classe energetica degli edifici dipende da numerosi fattori, come la tipologia del riscaldamento presente, i materiali utilizzati per pareti, serramenti e pavimenti (sia interni che esterni). 

La normativa prevede che, per ottenere l’agibilità, oggi giorno gli edifici debbano essere dotati di un attestato nel quale venga identificata la classe energetica di appartenenza, rilasciato dal costruttore se si tratta di una costruzione recente, oppure dal proprietario dell’immobile per immobili pre-esistenti (l’APE, che deve riportare i consumi relativi a tutti i servizi energetici, quindi riscaldamento, acqua calda sanitaria, raffrescamento, illuminazione artificiale, ventilazione meccanica, etc.).

Tale documento va inoltre rifatto dopo dieci anni dal rilascio, e comunque aggiornato dopo ogni riqualificazione energetica (laddove, per riqualificazione energetica si intende ogni tipo di intervento finalizzato alla riduzione della dispersione termica e all’ottimizzazione degli impianti che servono la casa (si pensi, ad esempio, alla sostituzione della vecchia caldaia istantanea con una nuova a condensazione; alla coibentazione esterna dell’edificio; alla sostituzione degli infissi; etc.). Per conoscere la classe energetica degli edifici si può procedere anche attraverso la compilazione di un semplice form.

Fortunatamente, molti di questi interventi godono di agevolazioni fiscali, con uno sgravio che, a seconda dei casi, va dal 65% al 50% della spesa sostenuta. Anche se, proprio a proposito della spesa, è bene sottolineare che i costi per gli interventi di riqualificazione energetica sono superiori rispetto a lavori eseguiti tradizionalmente, con un incremento che va dal 3% al 20%.

Ma, la riqualificazione energetica non riguarda solo la casa del singolo, in maniera specifica quando quest'ultima è inserita in un contesto condominiale. Avrebbe infatti poco senso, e dal punto di vista economico, e soprattutto da quello ambientale, convertire gli impianti e i sistemi della propria abitazione in un senso “ecologico”, e lasciare che il contesto dissipi energia. Proprio nell’ottica di conservare il calore, che spesso in un condominio diviene eccessivo nei piani intermedi, a causa della necessità di riscaldare quelli più “ostici”, e cioè il primo e l’ultimo, ci si potrebbe dotare di valvole termostatiche da installare sui singoli radiatori, in abbinamento ad un sistema di contabilizzazione del calore. 

E’ bene un’osservazione: la definizione e di conseguenza l’appartenenza ad una classe energetica degli edifici piuttosto che ad un’altra si differenzia da regione a regione in base alle disposizioni locali, mentre per raggiungere gli obiettivi fissati dall’Unione Europea, sarebbe necessario introdurre delle regole omogenee, accompagnate anche da maggior controlli sugli edifici, con precise sanzioni per chi non rispetta le regole per la progettazione, costruzione e certificazione, fissando anche una metratura limite oltre la quale scatterebbe l’obbligatorietà dell’appartenenza alle classi A o B. 

Inoltre, sempre nell’ottica di una riqualificazione energetica sarebbe opportuno prevedere degli incentivi che premino le ristrutturazioni edilizie finalizzate ad assicurare il passaggio verso una classe energetica più virtuosa, in Italia oggi questo è possibile fino ad arrivare a detrazioni fiscali fino al 65% per l'intervento realizzato.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto