L'attestato di prestazione energetica: domande e risposte

18 Gennaio 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

Foto articolo attestato prestazione energetica Foto articolo attestato prestazione energetica Foto articolo attestato prestazione energetica

Questa volta per parlare dell'A.P.E. abbiamo deciso di rispondere ad alcune delle più frequenti domande inerenti la certificazione energetica.


Quand’è diventata obbligatoria la certificazione energetica?

È dal 1° Luglio 2009, in caso di vendita o acquisto di immobili, e dal 1° Luglio dell’anno successivo, in caso di affitti, che è diventato obbligatorio dotarsi di certificazione energetica.
Inoltre dal Gennaio 2012 negli annunci immobiliari vanno inseriti gli indici di prestazione energetica (valore in kWh/mq anno) e l'APE figura tra i documenti utili ad ottenere il certificato di agibilità di un edificio.



Chi redige l'APE?

Un certificatore energetico (solitamente l'architetto, l'ingegnere o il geometra) in possesso di competenze specifiche in materia di efficienza energetica acquisite attraverso processi di formazione, supervisione e accreditamento gestiti dalle Regioni con apposite norme (o, in mancanza di queste, in base a quanto previsto dalla normativa nazionale).



Come viene redatto un’APE?

Dopo un accurato sopralluogo, il certificatore immette tutti i dati rilevati (caratteristiche geometriche dell'immobile, proprietà di muri e infissi, sistemi di produzione di acqua calda, impianti di raffrescamento e riscaldamento, eventuali sistemi di produzione di energia rinnovabile) all’interno di specifici software che eseguono i calcoli; in base a questi viene poi compilato il documento e rilasciata la targa energetica, che va conservata con il libretto della caldaia e consegnata al nuovo proprietario o al locatario, e che sintetizza le caratteristiche energetiche dell'immobile; l’APE così prodotta viene poi inserita in un registro regionale e da questo passa ad uno nazionale.



Quando è obbligatorio redigere la Certificazione Energetica?

Nei casi di:
  • Compravendita
  • Donazione
  • Affitto di edifici o singole unità immobiliari
  • Annunci di vendita o affitto di unità immobiliari (per determinare l'indice di prestazione energetica)
  • Costruzione di edifici nuovi (al termine dei lavori)
  • Ristrutturazione che coinvolge oltre il 25% della superficie dell'involucro (vedi di seguito)
  • Edifici pubblici e aperti al pubblico
  • Per la gestione degli impianti termici o di climatizzazione di edifici pubblici (sia che si tratti di contratti nuovi che di rinnovi).



Quanto vale l’APE?

Generalmente 10 anni.



Quando per legge si può ovviare all'APE?
  • In caso di edifici industriali e artigianali che vengono riscaldati per esigenze del processo produttivo, oppure che utilizzano reflui energetici del processo produttivo, o ancora sprovvisti di riscaldamento o climatizzazione (perché non necessari)
  • In caso di edifici agricoli e rurali non residenziali privi di climatizzazione
  • Qualora si tratti di fabbricati isolati con una superficie inferiore a 50 metri quadri
  • Per edifici che non prevedono sistemi di climatizzazione, quali box, cantine, autorimesse, etc.
  • Per gli edifici adibiti a luoghi di culto e allo svolgimento di attività religiose
  • In caso di ruderi
  • In caso di fabbricati in costruzione
  • Qualora un immobile sia già dotato di ACE (Attestato di Certificazione Energetica) in corso di validità (la data che fa fede è quella riportata nella prima pagina dell'attestato in alto a destra), rilasciato prima del 06.06.2013.



Quando è obbligatorio aggiornare l'APE?

Prima che siano trascorsi i 10 anni di cui si è detto sopra, è necessario aggiornare l’Attestato energetico in caso di:
  • ristrutturazione o riqualificazione, con interventi migliorativi che riguardino almeno il 25% della superficie esterna, quali isolamento del tetto, isolamento termico “a cappotto”, isolamento di porticati, etc.
  • sostituzione degli infissi
  • sostituzione della caldaia con modelli più recenti, come quelle a camera stagna o a condensazione
  • sostituzione della caldaia o del boiler per la produzione di acqua calda sanitaria con un modello più efficiente
  • modifica o sostituzione di componenti dell’impianto di riscaldamento o di produzione dell’acqua calda sanitaria (vi rientra, ad esempio, l’installazione di valvole termostatiche)
  • installazione di sonde di rilevamento delle temperature o di centraline di regolazione programmabili anche da remoto.


Tutti questi interventi consentono di efficientare energeticamente il proprio appartamento (ecco perché si richiede l'aggiornamento dell’APE).


A queste condizioni obbliganti si aggiungono anche la modifica dei dati catastali dell’immobile e quella della destinazione d’uso, che dunque richiedono un rinnovamento dell’Attestato.


Ultimo frangente che necessita di sottoporre l’APE ad adeguamento è la mancanza della regolare manutenzione della caldaia.


È bene ricordare che, se a seguito di uno degli interventi di cui sopra, non è stato effettuato aggiornamento dell’APE, si può incorrere nelle sanzioni previste dalla legislazione vigente!



Quali finalità ha il certificato energetico?
  • Permette di valutare la convenienza economica dell'acquisto e della locazione di un immobile in relazione ai consumi energetici
  • Sottolinea la convenienza di riqualificare energeticamente un edificio
  • Aumenta il valore degli immobili caratterizzati da consumi energetici bassi al momento della vendita o dell'affitto
  • Incentiva la costruzione di edifici ad alto rendimento energetico.


Qual è la differenza tra APE (attestato di prestazione energetica) e AQE (attestato di qualificazione energetica)?
Le differenze sono sostanzialmente due: l'AQE può essere redatto dal progettista o dal direttore dei lavori, quindi da un tecnico che ha rivestito un ruolo nella costruzione dell'immobile, mentre l'APE viene prodotto da un Certificatore Abilitato indipendente; inoltre nell'AQE non è specificata la classe energetica, cosa che avviene nell'APE.
In generale oggi l'AQE è meno utilizzato, e viene richiesto solamente in fase di "fine lavori" dal direttore dei lavori.



Quanto costa un APE?

Per la risposta a questa domanda vi rimandiamo alla lettura dell’articolo "Costi della certificazione energetica" oppure direttamente al nostro form, compilando il quale potrete chiedere che vi venga approntato un preventivo per il sopralluogo e il conseguente rilascio dell’APE e ricevere almeno tre risposte da altrettanti professionisti che collaborano col nostro portale.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto