Verande esterne: caratteristiche, normative, preventivi e prezzi

26 Febbraio 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

Verande esterne Verande esterne Verande esterne

Le verande esterne, costituita da una struttura portante e da una serie di vetrate, e che si affacciano direttamente su giardini, terrazzi o cortili interni, aggiungono metratura e valore economico a una casa: la struttura portante può essere realizzata con diversi materiali (anche combinati tra loro); le parti vetrate sono provviste di aperture verso l’esterno che si differenziano per meccanismo (battente, scorrevole, etc.); le coperture, create appositamente per proteggere dal sole e per garantire privacy, possono essere interne o esterne.


Prima di procedere ad analizzare più dettagliatamente gli elementi che compongono una veranda esterna, vogliamo proporvi una tabella dei costi delle verande da terrazzo e da balcone, oltreché di strutture che possono essere adoperate come serrande (dunque per ospitare primariamente fiori e vegetali), proposte da alcuni dei migliori rivenditori e produttori sul mercato, sulla cui entità influiscono ovviamente proprio le parti strutturali sulle quali ci soffermeremo in seguito:


Nome Caratteristiche Prezzo
GARDENCUBE42 Gazebo in legno da giardino 4x2m con porte scorrevoli con sistema Alutech e 4 pareti vetrate in alluminio Reynaers 6741 euro - 10 %
ORTENSIA di Ideapiù Veranda da giardino comprendente: tetto e parete in vetro temperato 4mm; struttura in alluminio naturale; porta scorrevole; 1 finestra al colmo. Misura 233x309 3041 euro
Veranda Edera di Tutto Per La Casa Garessio Realizzata in alluminio naturale, può essere verniciata in qualsiasi colorazione RAL richiesta; la struttura base è fornita di porta laterale scorrevole e, a seconda delle dimensioni, di finestre ad apertura diretta al colmo; dimensioni minime. Larghezza 1,18m, Lunghezza 2,36m, Altezza min: 1,81m, Altezza max: 2,16 / 2,34m 1060 euro
TUILERIES di Maisons du Monde Serra a parete in acciaio effetto ruggine H 245 cm, dotata di vetro temprato per il tetto dello spessore di 4 mm 1.990 €
JULIANA JUNIOR di Dancover SERRA DA GIARDINO in VETRO con telaio in alluminio 9,9M², 2,77X3,70X2,57M, impermeabile al 100% 2182,58 euro


Veranda esterna per casa


Strutture esterne

In particolare, la struttura portante di una veranda esterna, alla quale vengono solitamente applicati rinforzi in acciaio (link all’articolo 514), invisibili esteticamente e che accrescono durata nel tempo e stabilità, può essere realizzata in:
  • Legno opportunamente trattato per l’esterno
  • PVC
  • Alluminio trattato (che rappresenta la soluzione più utilizzata).
Le strutture in questione vengono poi attaccate al muro o al tetto sigillando internamente nastri ad espansione ed esternamente guaine isolanti e lamiere di rivestimento in alluminio; qualora l’aggancio avvenga al pavimento, è necessario che questo risulti isolato e resistente al freddo, affinché possa essere applicata una pellicola di protezione dall’umidità e successivamente una lamiera.
I raccordi tra gli angoli esterni della struttura di una veranda esterna devono:
  • Essere resistenti
  • Garantire un buon isolamento termico
  • Assicurare un’elevata tenuta meccanica.
Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.



Vetrate

Per realizzare le vetrate (link all’articolo 502) della veranda esterna bisogna scegliere prodotti sicuri, resistenti alle intemperie (soprattutto vento e grandine), ad eventuali attacchi di ladri e malintenzionati, a urti e rotture: a tal scopo è possibile scegliere tra:
  • Vetro riflettente o assorbente: impediscono che il calore estivo venga inglobato all’interno della veranda, spingendolo invece verso l’esterno
  • Vetro basso-emissivo: durante la stagione fredda trattiene fino al 90% del calore accumulato all’interno della veranda, permettendo un notevole risparmio energetico
  • Vetro fonoassorbente: capace di isolare acusticamente la veranda
  • Vetro autopulente: ideale per la tettoia, è costituito da uno strato applicato superficialmente che scioglie lo sporco con l’aiuto di sole e pioggia.



Aperture

Sia che si tratti di finestre, che consentono solo l’affaccio, che di portefinestre, che permettono di uscire in terrazzo o giardino, i sistemi di apertura possono essere:
  • A battente, con una o più ante
  • A libro, dove le varie ante (più piccole) si impacchettano da un lato, stile (col vantaggio che da aperte occupano poco spazio)
  • Scorrevoli: scorrendo lateralmente alle pareti, le ante aperte non occupano spazio.



Coperture

Possono essere:
  • Interne:: possono essere semplici tende o anche veneziane in alluminio
  • Esterne:
  • Fisse:: costituite da pannelli isolanti termicamente e acusticamente, disponibili in vari materiali
  • Mobili: generalmente veneziane in metallo resistente alle intemperie, regolabili dall’interno manualmente o con telecomando.



Estetica

Diversi sono gli effetti visivi, dalle essenze del legno, ai colori accesi con verniciatura in polvere, al bianco liscio, goffrato o satinato, che possono anche differire tra interno ed esterno; le forme dipendono anche dallo spazio disponibile, potendo essere a centro parete, con tetto a volta ribassata; angolare che collega esternamente due lati della casa; ad angolo con copertura a spiovente, su due muri dell’edificio.



Altre caratteristiche: Ventilazione e Climatizzazione

Il ruolo della ventilazione è fondamentale in una veranda esterna, in particolare per regolare i livelli di umidità e scongiurare il pericolo di muffe: per la ventilazione naturale è necessario destinare alle aperture tra il 5 e il 12% dell’intera superficie vetrata, per quella meccanica, facoltativa ma fortemente consigliata, è opportuno collocare i sistemi d'afflusso, cioè di entrata dell'aria, nella zoccolatura o nel parapetto della veranda, e quelli di deflusso sulla tettoia.
La climatizzazione dipende della zona climatica in cui ci si trova, dell’esposizione della veranda stessa (nord, sud, ovest o est) e da quanto si intende utilizzarla, e può comprendere dai pannelli solari sulla tettoia ai "semplici" climatizzatori.



La normativa per la costruzione di una veranda esterna

Sia che si tratti della chiusura di un balcone che di una struttura costruita su un terrazzo o su un giardino, con 2 o 3 lati vetrati, è comunque necessario:
  • Far realizzare un progetto da un tecnico abilitato o da un professionista (geometra, architetto, ingegnere)
  • Preparare una richiesta di autorizzazione
  • Ottenere l’approvazione all’unanimità da parte dei condomini
  • Presentare i documenti all’Ufficio Tecnico del Comune.


A parte il fatto che la zona per la quale si richiede il permesso di costruire la veranda esterna deve avere ancora a disposizione la volumetria necessaria (è possibile saperlo solo consultando il Piano Regolatore del Comune), affinché l’Ufficio Tecnico si esprima positivamente la veranda non deve modificare le sembianze dell’edificio né sottrarre luminosità o aria agli appartamenti circostanti.
Inoltre, qualora si tratti di una veranda esterna costruita su un terrazzo, essa non può essere abitabile, ma impiegata solo per la permanenza delle persone; deve essere rimovibile, quindi sprovvista di fondamenta o parti in muratura; non deve superare un massimo del 25% dell’estensione complessiva del terrazzo; essere arretrata dalla facciata, nel caso in cui si trovi in condominio.
Proprio in virtù di queste regole che vanno rispettate, e proprio perché nella costruzione di una veranda esterna bisogna guardare alla propria sicurezza ma anche alla realizzazione di una struttura che sia in grado di massimizzare il godimento degli spazi esterni, è opportuno rivolgersi a dei professionisti, e noi di Quotalo possiamo aiutarvi a prescindere che viviate in una grande città o in un piccolo centro.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto