La sicurezza sul lavoro nelle aziende: gli esempi delle aziende agricole, sanitarie, e di quelle senza dipendenti

11 Gennaio 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

Foto articolo sicurezza sul lavoro nelle aziende Foto articolo sicurezza sul lavoro nelle aziende Foto articolo sicurezza sul lavoro nelle aziende

Per questo nostro contributo in merito alla sicurezza sul lavoro nelle aziende abbiamo deciso di concentrarci su tre casi specifici e tra loro assai diversi: la sicurezza sul lavoro nelle aziende agricole, l’incolumità del personale negli ospedali e in generale nelle aziende sanitarie, e infine le disposizioni che concernono difesa e protezione per aziende senza dipendenti.


Cominciamo dal settore agricolo, che come quello edile registra i rischi maggiori, in relazione all’entità e alla frequenza degli infortuni denunciati.


Il noto d lgs 81 2008 estende i suoi concetti chiave generali anche ai lavoratori agricoli, stabilendo anche per i lavoratori autonomi del comparto, compresi i coltivatori diretti e i soci delle società semplici operanti nel settore agricolo, l’ obbligo (prima spettante solo al datore di lavoro con dipendenti o assimilati) di:
  • utilizzare macchine e attrezzature a norma;
  • munirsi di dispositivi di protezione individuali.


Inoltre, a partire dalla fine del 2012, il Documento di valutazione dei rischi è diventato obbligatorio anche per tutte le aziende con meno di 10 lavoratori, coinvolgendo inevitabilmente pure gli imprenditori agricoli che si avvalgono di lavoratori stagionali e occasionali, e dal 2013 sono state introdotte misure semplificative rispetto agli adempimenti relativi all’informazione, formazione e sorveglianza sanitaria, per le aziende che impiegano lavoratori stagionali per meno di 50 giornate in un anno.


Ma quali sono i maggiori rischi cui è sottoposta la manovalanza agricola?
  • Movimentazione manuale dei carichi, che determina la possibilità di lesioni alla colonna vertebrale e disturbi a carico del sistema muscolo scheletrico: è indispensabile limitare e controllare gli sforzi imposti e, laddove possibile, adoperare strumenti di sollevamento automatici
  • I mezzi agricoli di trasporto: sono questi a procurare gli infortuni più seri, per cui è importante adottare severi protocolli di manutenzione, esercitare controlli periodici e redigere correttamente le procedure di utilizzo, condividendole con gli operatori e facendole applicare rigidamente
  • Il rischio da esposizione a sostanze pericolose: l’utilizzo dei prodotti chimici nel settore agricolo deve essere regolamentato con disposizioni in materia di valutazione del rischio specifico, immagazzinamento, utilizzo e smaltimento, oltre a prevedere una formazione ad hoc
  • Rischio biologico, vale a dire il pericolo di contrarre malattie infettive, trasmesse dagli animali all’uomo durante le attività di pulizia dei ricoveri, di mungitura, di toelettatura, di manipolazione degli escrementi o tramite insetti e parassiti
  • Esposizione al rumore prodotto da macchinari e attrezzature, che può essere minimizzata con l’ausilio di Dispositivi di Protezione Individuale
  • Incidenti dovuti alla presenza di linee elettriche aeree, che andrebbero ben segnalate ed identificate, e che comunque vanno considerati nella valutazione dei rischi.


Passiamo adesso alle aziende sanitarie
A parte le disposizioni generali del Testo Unico sulla Sicurezza, sempre valide, è stabilito l’obbligo di:
  • istituzione del Servizio di Prevenzione e Protezione interno all’azienda per le strutture di ricovero e cura con oltre 50 lavoratori;
  • adozione di misure di gestione di emergenza incendi nelle case di riposo per anziani (considerate a rischio incendio elevato.


Quali sono i pericoli maggiori per la salute e la sicurezza di quanti lavorano nel comparto sanitario?


  • Rischio incendio: vista la significativa presenza di degenti eventualmente non autosufficienti, oltre ai requisiti di sicurezza strutturali e alla formazione degli addetti è importante valutare con attenzione tutte le possibili sorgenti di innesco, ad esempio reagenti chimici infiammabili, presenza di materiali che possono facilmente prendere fuoco, strumentazioni e attrezzature elettriche (ad esempio camere iperbariche con concentrazioni di ossigeno)
  • Attrezzature: non solo innesco di eventuali incendi, ma anche emettitrici di radiazioni ionizzanti (apparecchi per radiografie e radioterapie) e di forti campi elettromagnetici (Risonanze Magnetiche), o infettive (bisturi e siringhe)
  • Rischio biologico
  • Rischio chimico, legato alla presenza di sostanze di laboratorio, farmaci, reagenti pericolosi: il pericolo va minimizzato con procedure standardizzate di manutenzione, manipolazione e smaltimento, onde evitarne la dispersione accidentale o l’utilizzo improprio
  • Movimentazione manuale dei carichi, sia di oggetti che di persone (degenti non deambulanti o non autosufficienti): anche questo rischio va valutato e gestito con l’ausilio di strumenti di sollevamento meccanici
  • Stress lavoro correlato, dovuto alla forte componente emotiva e di responsabilità nei confronti degli ammalati.


Concludiamo con le aziende senza dipendenti, cioè quelle nelle quindi il titolare rappresenta anche l’unico soggetto al suo interno: si tratta dell’unica forma esente dal decreto 81/08, dal momento che, se non sussiste vincolo di subordinazione e obbligatorietà da parte del committente, non si può applicare la normativa sulla sicurezza.
Le uniche imposizioni sono di utilizzare attrezzature conformi alla legge per garantire la propria sicurezza e l’esibizione del tesserino di riconoscimento in caso di lavoro in appalto.
Qualora abbiate dei dubbi in merito a quali obblighi invece competano a voi in relazione al vostro settore d’impiego, contattate tramite il form dedicato una delle aziende esperte di sicurezza che sono diventate nostre partner.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto