Pitture ecologiche per interni: quali scegliere e quali caratteristiche analizzare per assicurarsi prodotti amici della salute e dell'ambiente

12 Gennaio 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

Foto articolo pitture ecologiche per interni Foto articolo pitture ecologiche per interni Foto articolo pitture ecologiche per interni

Che si decida di dipingere le pareti di bianco oppure di adoperare il colore, non esiste casa nella quale non venga impiegata pittura, anzi, in considerazione del fatto che si dovrebbero rinfrescare i muri di casa almeno di quinquennio in quinquennio, si valuta che ogni persona impiega in mezzo secolo circa 1000 litri di vernice, ognuno dei quali genera a sua volta ben 100 kg di rifiuti speciali: ragion per cui sarebbe meglio adoperare vernici naturali per interni; tuttavia non si tratta solo di una questione ambientale, per cui è bene interrogarsi sulle migliori pitture per interni anche perché ripercussioni si registrano anche a livello di salute umana.


A differenza delle vernici per interni di origine naturale, di cui parleremo a breve, la maggior parte dei prodotti tradizionali deriva da sintesi petrolchimica, e contiene solventi e VOC, ossia composti organici volatili, soggetti a rapida evaporazione, che permette loro di rimanere presenti nell’aria domestica, inquinandola, e contribuendo a provocare allergie e irritazioni e, in concomitanza con condizioni termiche predisponenti, anche l’insorgenza di emicranie, rossori, nausee.


Sebbene l’Europea abbia imposto un limite alle emissioni di VOC nei solventi organici, l'impatto ambientale provocato da questi prodotti è davvero significativo, e può essere limitato realmente solo ricorrendo a vernici ecosostenibili per le pareti interne di casa, pensate per rispettare l'ambiente, il comfort domestico e salubrità dell'aria.


Pittura ecologica per interni

Le vernici biologiche per casa, pur garantendo la medesima resa di quelle di vecchia concezione, non producono emissioni nocive, e presentano una serie di vantaggi notevoli, come:
  • una copertura (più) omogenea in fase di applicazione;
  • l’assenza di odore (per cui non richiedono areazione degli ambienti durante e dopo l’applicazione);
  • la mancanza di sostanze volatili nocive e irritanti (per cui sono conciliabili anche con la presenza di bambini, soggetti allergici, asmatici o sensibili ad agenti chimici);
  • l’agevolamento della naturale traspirazione delle pareti, che impedisce quindi la formazione di muffe, riequilibrando i livelli di umidità tra l'esterno e l'interno.
  • A ciò si aggiunga che alcuni di questi prodotti per tinteggiare le pareti di casa di origine naturale sono in grado di attrarre le polveri sottili presenti nella stanza e di "bonificare" l'aria di casa.


Ma come si fa a riconoscere le vernici biologiche?
Innanzitutto dal marchio di qualità ecologica ECOLABEL dell'Unione Europea, come per tutti i prodotti certificati, e poi dalle etichette, che riportano gli ingredienti contenuti nella latta, dal momento che sul mercato esiste una varietà piuttosto abbondante di articoli:
  •  vernici ecofriendly a base di argilla: zero emissioni VOC, resa estetica molto valida, grande traspirabilità (che riduce l’accumulo di polvere e la formazione di allergeni) per questa tipologia indicata soprattutto in ambienti che soffrono livelli elevati di si tratta di umidità, in quanto l’argilla è particolarmente resistente alle muffe;
  • prodotti per tinteggiatura naturale per interni a base di resine vegetali: colori brillanti e compatibilità con ogni tipo di superficie per questo prodotto composto da resine naturali, oli essenziali, pigmenti e oli vegetali, completamente privo di conservanti, 100% ecologico, disponibile in forma solida, semisolida e molle, dalla notevole coprenza;
  • pitture naturali a base di calce, capaci di combattere l’azione della muffa e prevenirne la formazione sulle pareti e antibatteriche, e dunque ideali per ambienti soggetti a umidità o forte escursione termica;
  • tinteggianti ecologici a base di acqua e latte, idrosolubili e a basso impatto ambientale, ideali sia in interna che in esterna, inodore e facili da utilizzare a patto che vengano impiegati in ambienti con tasso di umidità basso.


E se voleste qualche nome, eccovi accontentati:
  • ECOS, azienda originaria della Gran Bretagna, che fornisce anche la possibilità di acquistare i suoi prodotti on-line
  • Solas, i cui prodotti, formulati con materie prime naturali, e dunque bio-degradabili e bio-compatibili, si caratterizzano anche per resa e durata
  • Durga, che utilizza per le sue vernici ecologiche per interni pigmenti naturali predispersi con l'ausilio di prodotti vegetali e saponificati in laboratorio, privi di materie prime petrolio-derivate e pigmenti contenenti metalli pesanti, come piombo e cobalto
  • (e qualora non foste ancora soddisfatti potete cercare altre ditte su Progetto Bio, una vetrina on-line per prodotti di bioedilizia italiani e internazionali).


Unico neo, anche sospettabile, il costo delle pitture per interni di origine naturale, che ovviamente è più alto se confrontato con quello delle vernici tradizionali… e tuttavia può essere fatta una considerazione: per avere un’aria di casa più fresca e leggera non è consigliabile economizzare sulla materia prima, per cui è preferibile optare per le migliori pitture per interni, e decidere invece di risparmiare sulla manodopera.


Come?


O affidandosi al fai-da-te, oppure adoperando i nostri servizi: abbiamo nella nostra piattaforma un numero veramente significativo di imbianchini professionisti e ditte edile che si occupano di imbiancatura in tutta Italia, garantendo una qualità notevole a prezzi concorrenziali

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto