La competenza territoriale del notaio: cosa implica nella scelta del professionista

16 Maggio 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

foto principale per articolo competenza territoriale del notaio foto principale per articolo competenza territoriale del notaio foto principale per articolo competenza territoriale del notaio

Dovete farvi redigere un atto, sottoscrivere un mutuo per l’acquisto di casa, o aprire un testamento, o fondare una società, ma non sapete se siete costretti a cercare un notaio nella vostra città o se potete rivolgervi a chiunque, indipendentemente da dove opera? Si tratta di una questione di territorialità della competenza notarile, che abbiamo deciso di chiarire…


Presto detto: la Legge Notarile stabilisce che il notaio può svolgere le proprie funzioni nel suo territorio di competenza, ma non sull’intero suolo nazionale, ed anzi colui che eserciti il proprio ministero immediatamente fuori dai confini territoriali impostigli non potrà produrre documenti pubblici, in quanto verrebbe in tal caso meno la competenza territoriale del notaio.


A ben guardare però in precedenza i confini della competenza del notaio corrispondevano all’intero territorio del distretto della Corte d’Appello in cui si trova la sede notarile del professionista, mentre attualmente la competenza è stata ampliata fino a comprendere l’intera regione in cui si trova la sede. È inoltre consentita l’apertura di uno studio secondario in qualunque comune della regione o in tutto il distretto della Corte d’Appello se stesso comprende più regioni.


Al di là di questi recenti accrescimenti nella pertinenza del notaio su un territorio, non pare affatto ammissibile la figura del “notaio itinerante”, anche perché in questo caso verrebbe costantemente violata la norma che prevede la presenza del professionista nello studio di cui è titolare nei giorni e negli orari predeterminati: secondo l’articolo 26 della legge notarile, infatti, il notaio deve essere personalmente presente almeno tre giorni a settimana, e almeno uno ogni quindici giorni per ciascun comune o frazione di comune aggregati.


Tutto questo ai fini pratici equivale a dire che se sono di Napoli e decido di acquistare casa a Milano dovrò rivolgermi ad un professionista di questa città e non di quella dalla quale provengo e nella quale risiedo, in primis per evitare problemi di tipo logistico, perché in caso contrario sarebbe assai complesso riuscire a garantire un’assistenza efficace e continua al cittadino, cosa che ha invece cercato di tutelare la legge in questione.


E, considerando anche che per firmare gli atti necessari all’acquisto casa all’apertura testamentaria, etc., è sempre necessaria la presenza delle parti in causa, che dovranno sobbarcarsi gli spostamenti presso l’ufficio notarile, più questo sarà lontano, più tempo e denaro richiederà per essere raggiunto.


Queste sono le ragioni, tutt’altro che trascurabili, per le quali si è prevista una competenza territoriale notarile circoscritta e per le quali il numero dei notai e la loro distribuzione viene stabilito zona per zona in relazione alla densità abitativa, proprio per garantire un buon servizio in ogni provincia italiana.


Sarà dunque molto semplice scegliere dal nostro sito un valido notaio che possa assistervi: basterà selezionare la provincia di residenza e si avrà a disposizione un certo numero di professionisti tra i quali poter effettuare liberamente la propria scelta, magari dopo aver richiesto una serie di delucidazioni tramite il form ad hoc.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto