I prezzi degli atti notarili

16 Maggio 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 2 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

foto principale per articolo prezzi atti notarili foto principale per articolo prezzi atti notarili foto principale per articolo prezzi atti notarili

Allorquando si sente parlare di atti di compravendita, di acquisto di immobili, di eredità e testamenti si accappona la pelle al solo pensiero di quanto sarà necessario sborsare per coprire i costi degli atti notarli connessi: vediamo allora quanto si spende quando si sceglie un notaio, e quali sono gli elementi che influenzano il costo di una prestazione notarile.


E partiamo proprio da quest’ultima voce: a incidere sulla parcella di un notaio sono:
  • costi fiscali o anticipati, vale a dire le imposte dovute dal cliente e che il notaio versa allo Stato (non si tratta dunque di “guadagno” per il professionista)
  • costi variabili, ad esempio quelli delle visure ipotecarie e catastali, che non hanno una misura fissa ma dipendono da alcune caratteristiche, tra cui la grandezza dell’immobile
  • costi eventuali, cioè quelli relativi a servizi accessori richiesti dal cliente (urgenze, stipula fuori studio, ricerca di documentazione anagrafica o amministrativa, consulenza email o internet, etc.)
  • onorario, che a sua volta comprende, oltre al costo degli impiegati rapportato alle ore lavorative, anche la remunerazione delle mansioni svolte (consulenza, studio documentazione, controllo e completamento atto, etc.), oltre a fattori come la fama, la città, il livello di concorrenza.


Detto questo cerchiamo di essere il più possibile precisi analizzando una serie di fattispecie: partiamo con i costi medi degli atti notarili che vengono predisposti in occasione dell’acquisto di casa che, pur essendo a discrezione del singolo professionista, dovrebbero comunque essere ricompresi tra i valori massimi e quelli minimi riportati in una serie di tabelle predisposte dal Ministero di Giustizia:
  • valore immobile da 5.000 a 25.000 euro (valore di riferimento 15.000 euro) – percentuale: 7,66% del valore di riferimento – +16%, -5,99%;
  • valore immobile da 25.001 a 500.000 euro (valore di riferimento: 262.500 euro) – percentuale: 1,078% del valore di riferimento – +5,990%, -0,653%;
  • valore immobile da 500.001,00 a 1.000.000,00 euro (valore di riferimento: 750.000,00 euro) – percentuale: 0,440% del valore di riferimento – +0,653%, -0,410%;
  • valore immobile da 1.000.001,00 a 3.500.000,00 euro (valore di riferimento: 2.250.000,00 euro) – percentuale: 0,210% del valore di riferimento – +0,410%, -0,160%;
  • valore immobile da 3.500.001,00 a 5.000.000,00 euro (valore di riferimento: 4.250.000,00 euro) – percentuale: 0,140% del valore di riferimento – +0,160%, -0,120%.


Per una serie di motivi: 
  • la sicurezza del contratto, che evita alle parti litigi lunghi e costosi in fase di giudizio
  • la sua natura di prova privilegiata in fase di processo
  • il suo potere esecutivo, per quanto riguarda il recupero crediti
  • l’affidabilità dei pubblici registri, e dunque la certezza dei diritti.


Addirittura, qualora si ricorra all’elaborazione di un atto notarile anche per il contratto preliminare di vendita, i propri diritti verranno tutelati da qualunque atto pregiudizievole, come per esempio l’accensione di ipoteche o la vendita a terzi.


Insomma, affidarsi ad un notaio all’atto dell’acquisto di casa significa godere di una serie di controlli preliminari:
  • sull’identità del venditore
  • sulla conformità dell’immobile, sia dal punto di vista urbanistico che catastale
  • sulla regolarità della certificazione di prestazione energetica
  • sulla tracciabilità dei pagamenti e sul rispetto delle normative sull’antiriciclaggio
  • sulle possibili agevolazioni fruibili.


Per concludere il discorso in merito ai costi relativi a un atto di compravendita e di mutuo, che come detto sono direttamente proporzionali rispettivamente al prezzo dell’immobile indicato in atto e all’ipoteca che verrà iscritta a garanzia del mutuo (di solito pari al doppio della cifra di mutuo richiesta), l’acquirente dovrà corrispondere:
  • l’imposta di registro: per quella proporzionale il minimo è di 1000 euro, per quella fissa 200 euro per gli atti soggetti ad IVA, la quale ammonta al 9% per i fabbricati, terreni edificabili non soggetti ad IVA e terreni non agricoli; al 12% per i fabbricati rurali e i terreni agricoli; al 2% per le agevolazioni prima casa
  • l’imposta ipotecaria: di 50 euro per gli atti non soggetti ad IVA che pagano imposta di registro proporzionale; di 200 euro per gli atti soggetti ad IVA.
  • l’imposta catastale: stessi importi e circostanze previste al punto precedente
  • l’imposta di bollo forfettaria: 230 euro solo a carico degli atti soggetti ad IVA
  •  i diritti per la trascrizione ipotecaria: sempre solo per gli atti soggetti ad IVA, ammonta a 90 euro
  • la tassa per l’archivio notarile variabile in base al valore dichiarato.


Per quanto concerne i costi medi degli atti notarili di donazione bisogna considerare:
  • Imposta di registro: solo in alcuni casi è esente.
  • Imposta ipotecaria: 2% con minimo 200 euro.
  • Imposta catastale: 1% con minimo 200 euro.
  • Imposta di bollo: 230 euro fissi solo per atti soggetti ad IVA.
  • Imposta per la trascrizione: 90 euro fissi solo per atti soggetti ad IVA.
  • Imposta per la voltura catastale: 70 euro per ogni tipologia di fabbricato e sino a 10 intestati.
  • Visure ipotecarie, visure catastali e visure camerali: variabili
  • Onorario notarile: variabile.


Stesse voci di costo e stessi valori anche per le spese da affrontare per un atto notarile di divisione, a cui si ricorre per porre fine allo stato di comunione esistente tra più soggetti, che in questo frangente però sono da dividere tra le parti.


E quanto costano invece gli atti di un notaio per l’apertura di un’impresa?
Essi dipendono dal capitale sociale versato, dal tipo di società (di capitali o di persone), e come sempre dall’onorario del professionista: se volete conoscerlo più nel dettaglio chiedete apertamente un preventivo di spesa cliccando qui.


Quotalo infatti ha deciso di inserire tra le figure professionali sue partner anche i notai, di modo da soddisfare le esigenze di quanti si trovino nella necessità di farsi redigere degli atti da ufficiali pubblici: il primo contatto che avrete con loro per mezzo del nostro portale è all’insegna della gratuità, per cui non temete di essere molto precisi e dettagliati nella descrizione del vostro caso e delle esigenze che vi premono, perché solo in questo modo riuscirete ad ottenere un preventivo quanto mai accurato e veritiero.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto