Dalla ferramenta ai meccanismi certificati, conosciamo i serramenti di sicurezza

27 Gennaio 2016 - Redazione

Vota

Voto 4 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

Foto articolo serramenti di sicurezza Foto articolo serramenti di sicurezza Foto articolo serramenti di sicurezza La tranquillità è un presupposto fondamentale, ma certo sapere che buona parte delle effrazioni si concentra in particolari periodi (come quello estivo) e ore (quelle serali), non contribuisce certo ad incrementare la nostra sensazione di sicurezza!

E visto che sono porte e finestre i punti deboli delle nostre abitazioni, vi state chiedendo come scegliere dei serramenti di sicurezza?

Affinché porte e finestre garantiscano maggiore sicurezza, è possibile inserire degli accorgimenti, come gli scontri antistrappo (che soprattutto se certificati, in numero elevato, assemblati con tecniche innovative, e disposti su tutto il perimetro, aumentano le capacità di antieffrazione); il nottolino (cioè, il cilindro della serratura) a forma di fungo (meglio ancora se autoregolante, perché si adatta automaticamente all’aria del profilo); le maniglie con blocco di sicurezza (nelle quali delle martelline con cilindro o con pulsante impediscono di forzare il quadro maniglia dall’esterno).

In questo caso si agisce sulla ferramenta (tra i migliori produttori del campo figura la Maico). 
Esistono però anche dei veri e propri sistemi anti-intrusione, la cui presenza permette di parlare, appunto, di serramenti di sicurezza. 

È sulle certificazioni che corredano i prodotti che è possibile evincere la classe di resistenza dei serramenti di sicurezza:
•      Classe di resistenza CR1: protezione base contro calci, spinte, spallate;
•      Classe di resistenza CR2: resistenza a tentativi di effrazione cacciaviti, tenaglie, cunei, e simili;
•      Classe di resistenza CR3: protezione contro l’uso del piede di porco.

Il fatto che i serramenti di sicurezza ricadano nel livello CR2 significa che la resistenza si protrae per 3 minuti, mentre ad un attacco di 5 minuti con piede di porco resistono i serramenti di sicurezza CR3. Inoltre, i primi sono corredati da una maniglia con pulsante o chiave anti-rotazione e un vetro antieffrazione incollato direttamente all’anta; mente quelli del livello CR3 presentano una sezione maggiorata di telaio e anta, dei rinforzi metallici, un vetro antieffrazione più spesso (applicato con incollaggio antistrappo). 
Tra le varie aziende del settore, alcune la protezione la garantiscono pure nel nome (!), come Erreci Sicurezza, Punto Sicurezza, Centro Sicurezza Casa.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto