Quanto costa assumere una badante a seconda delle circostanze

21 Dicembre 2015 - Redazione

Vota

Voto 5 su 2 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

quanto costa assumere una badante quanto costa assumere una badante quanto costa assumere una badante

Sono sempre di più le famiglie che, anche a causa degli impegni lavorativi, decidono di ricorrere ai servizi offerti da una badante per poter assistere le persone anziane o disabili, consentendo loro di restare nell’ambiente domestico, anziché dover essere alloggiate presso strutture apposite, ma quanto costa assumere una badante?

Ma, se fino a qualche ano fa il lavoro della badante rientrava generalmente tra quelle attività che erano poco tutelate perché legalmente non inquadrate, oggigiorno sono stati fissati tutta una serie di criteri per consentirne l’inquadramento.

Innanzitutto se si tratta di una badante extra-comunitaria con permesso di soggiorno per motivi di lavoro, il datore dovrà inviare alla Prefettura territorialmente competente una raccomandata con ricevuta di ritorno. In secondo luogo bisognerà stabilire gli orari di lavoro, tenendo conto che il massimo previsto dalla legge sono 54 ore settimanali, per cui se si necessita di una presenza più prolungata, si dovrà assumere una seconda persona.

Ancora, bisognerà distinguere i casi che la badante andrà a coadiuvare, e quindi se si tratti di persona autosufficiente o meno, e se i suoi servigi siano richiesti anche in orari notturni o solo diurni: anche da queste due evenienze dipenderà l’ammontare dello stipendio mensile della badante.

La legge stabilisce una paga oraria minima lorda di 5,98 euro per una persona che assista un soggetto autosufficiente o un minore, e questa, moltiplicate per 20 ore settimanali, dà diritto ad un netto di 486,69 euro al mese, e nel caso in cui la badante lavori per 54 ore settimanali (il massimo previsto dalla legge) si vedrà corrispondere uno stipendio di 784,96 euro.

Se invece l’assistito fosse non autosufficiente la paga oraria minima lorda per la badante si alzerebbe a 6,64 euro per cui lavorando 20 ore settimanali si accumuleranno 543,85 euro e 54 ore di lavoro settimanale daranno diritto ad un mensile netto di 897,74 euro. 

Qualora poi si stabilisca un rapporto di lavoro con presenza notturna dalle 21,00 alle 8,00 per 15 ore settimanali si dovranno mettere in conto 619,42 euro al mese se si tratta di persona autosufficiente, che aumentano a in caso di persona non autosufficiente fino ad arrivare ad uno stipendio netto di 1.057,29 euro per 40 ore di lavoro a settimana. 

Ma le spese non finiscono, perché il datore di lavoro dovrà mettere da conto anche i contributi, che andranno versati ogni entro il 10 di aprile, di luglio, di ottobre e di gennaio, e la cassa malattia, sempre di sua competenza, mentre la parte del lavoratore la si trattiene di mese in mese dallo stipendio.

Ancora è necessario considerare la 13ma, che andrà corrisposta tra il 15 e il 25 dicembre, e il residuo delle ferie che andranno eventualmente pagate a fine rapporto di lavoro, quando andrà versato anche il TFR (nel caso in cui non sia stato anticipato una volta all'anno, come previsto dalla legge). 

Tutto questo fa lievitare i costi di una badante, per cui una famiglia che voglia usufruirne dovrà pagare una busta paga complessiva di 737,60 euro per 20 ore lavorative e di 808,87 per le stesse ore fornite ad una persona non autosufficiente; 1.272,21 euro per 54 ore settimanali o 1.412,85 se l’assistito non è autosufficiente; un mensile di 927,85 euro per 15 ore di lavoro notturno settimanale e di 1.532,63 euro per 40 ore notturne accanto ad un soggetto non autonomo. 

Per fortuna, a sollevare le sorti di una famiglia o di un singolo che necessitino della prestazione di una badante, agiscono una serie di sgravi fiscali, ad esempio si può dedurre nella dichiarazione dei redditi l'importo dei contributi versati; se il reddito del datore di lavoro non supera i 40.000 euro annui si può detrarre la paga della badante (per non più di 2.100 euro); si può beneficiare dei contributi economici che elargiscono i segretariati sociali di alcuni Comuni.

Sempre più persone si rivolgono ad un'agenzia di badanti che adempie a tutte le obbligazioni di legge facilitando quindi la vita alle famiglie oberate dagli impegni lavorativi e familiari con costi spesso competitivi e senza vincoli di durata del rapporto contrattuale.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto