Piccola ristrutturazione fai da te– alcuni consigli utili

04 Ottobre 2021 - Redazione

Vota

Voto 5 su 2 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

ristrutturazione fai da te ristrutturazione fai da te ristrutturazione fai da te

Quando si ristruttura un appartamento senza l’aiuto di un’impresa edile, potrebbe essere necessario ricevere qualche piccolo consiglio per gestire e terminare al meglio l’operazione di ristrutturazione “fai da te”

Ecco quindi alcuni accorgimenti che ti consentiranno di partire con il piede giusto per le piccole opere di ristrutturazione che hai pensato per la tua abitazione.

Sgombero mobili prima della ristrutturazione

Al fine di tenere le stanze sgombre da intralci durante i vari interventi di ristrutturazione e per far sì che la mobilia non venga accidentalmente danneggiata, è sempre bene collocare l’arredamento altrove, in garage o cantine. 

Chi non ha questa possibilità può richiedere aiuto a ditte specializzate che si occupano di traslochi, che sono solite proporre anche servizi di deposito. 

Non tutte le aziende però sono organizzate logisticamente per poter erogare questa prestazione, pertanto è indicato rivolgersi a realtà che operano nel settore da anni oppure dove la richiesta è più alta del normale.

Ad esempio se ti trovi in Toscana, nel settore degli sgomberi e traslochi segnaliamo trasloco Prato, che è ben avviato e presente sul mercato da anni.

Rinnovamento mobili

Se non si ha a disposizione un budget sufficiente per rinnovare completamente i mobili di casa, una buona scelta potrebbe essere quella di limitarsi a sostituire solo gli accessori che subiscono maggiormente l’usura, senza cestinare l’intero oggetto d’arredo. 

Nel caso dei mobili del bagno ad esempio si possono cambiare solo i sanitari o la rubinetteria, che con più facilità vengono danneggiati dai depositi calcarosi o dalla ruggine. In questo modo la casa apparirà modernizzata anche se le cifre spese saranno veramente ridotte. 

Foto piccola ristrutturazione fai da te

Predisposizione della giusta collocazione delle luci

Capita spesso di adagiarsi su una poltrona per leggere un libro e rendersi conto che la postazione non è ben illuminata o di lavorare ad una scrivania e avere luci insufficienti per leggere i fogli che si hanno davanti.

Questo è il segnale che l’impianto di illuminazione in casa non è stato studiato bene. La prima cosa da fare quando si ristruttura casa infatti è valutare il posizionamento delle luci, in modo che non vengano mai a mancare nei punti importanti della casa. Anche la tipologia e la colorazione delle luci sono decisive.

Faretti, strisce led e altre illuminazioni di piccola dimensione sono perfetti per illuminare anche gli angoli più angusti, mentre lampadari a cascata ed altre luci basse sono ideali sopra tavoli da pranzo e su altre superfici che necessitano di essere illuminate più da vicino. Il colore della luce emessa inoltre deve essere tendenzialmente uniforme, caldo o freddo, in modo da non creare interruzioni cromatiche.

E se l'intervento di ristrutturazione è consistente?

Se l’intervento di ristrutturazione è importante ti consigliamo di farti seguire in primis da un architetto che potrà realizzare un progetto ed un computo metrico dettagliato ed inoltre così facendo potrai sfruttare il bonus ristrutturazioni del 50%. Una volta realizzato un progetto ed un computo metrico definito puoi chiedere su Quotalo un preventivo per selezionare un'impresa edile locale specializzata in ristrutturazioni.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto