Le differenze che intercorrono tra le varie tipologie di caldaie presenti sul mercato

28 Dicembre 2017 - Redazione

Vota

Voto 4 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

Foto articolo differenze tra le varie tipologie di caldaie Foto articolo differenze tra le varie tipologie di caldaie Foto articolo differenze tra le varie tipologie di caldaie

I modelli di caldaie che il mercato ci mette a disposizione non differiscono solo in quanto caldaie tradizionali e caldaie a condensazione, ma anche per una serie di caratteristiche tecniche.


Ad esempio, per la tipologia di generatore impiegato, che si qualifica in base a potenza e combustibile utilizzato:
  • Generatore tipo A: a questa categoria appartengono apparecchi sprovvisti di condotti o dispositivi di evacuazione dei prodotti della combustione, il cui funzionamento consiste nel prelevare l’aria comburente dal locale in cui sono installati e nell’espellere il prodotto della combustione nello stesso spazio;
  • Generatore tipo B: detto anche “caldaia a camera aperta", questo sistema si caratterizza per la presenza di condotti che evacuano i fumi verso l’esterno, mentre per la combustione viene adoperata l’aria presente nel locale in cui è installato;
  • Generatore tipo C: sistema, detto anche “caldaia a camera stagna”, nel quale il prelievo dell’aria comburente e lo scarico dei fumi avvengono entrambi all’esterno del locale d’installazione.


Ancora, è possibile distinguere le tipologie di caldaie che il mercato offre per:
  • il combustibile utilizzato: solido (legna, pellet, cippato, etc.), liquido (etanolo, biodiesel, etc.), gassoso (metano, GPL, etc.)
  • e per la loro portata termica (o potenza termica nominale al focolare): il valore limite è 35 kW, che stabilisce la soglia massima raggiungibile dagli impianti domestici autonomi, e quella minima per impianti condominiali centralizzati o per quelli che servono edifici ad uso non civile.


Differenze funzionamento caldaie

Altra caratteristica che consente di differenziare i diversi modelli di caldaie in commercio è il sistema di scarico fumi, che può essere:
  • a tiraggio naturale: in questo caso la depressione generata dal diverso peso dell’aria e dei fumi, e quindi la diversa pressione fra la sezione d’ingresso e quella di uscita, determina l’evacuazione dei residui della combustione
  • a tiraggio forzato: l’evacuazione avviene per mezzo di un ventilatore posto a monte o a valle della camera di combustione.


E ancora: sussistono diversità pure tra i canali di fumo (cioè i raccordi posti tra l’uscita dei fumi e il camino/canna fumaria/condotto intubato):
  • se operano in pressione negativa si parla di canale da fumo
  • se operano in pressione positiva si parla di condotto di scarico fumi.


E le dissomiglianze non sono ancora finite, dal momento che una canna fumaria può distinguersi in:
  • Canna fumaria collettiva: i prodotti della combustione di più apparecchi collocati su diversi piani vengono convogliati ed espulsi in un condotto fumi 
  • Canna fumaria collettiva combinata: in questo caso sono presenti due condotti distinti (il primo convoglia l’aria comburente agli apparecchi collocati su diversi piani e il secondo raccoglie ed espellere i fumi), che possono essere coassiali, adiacenti oppure separati (in quest’ultimo frangente il sistema è completato con un condotto che collega il condotto aria e quello fumi in una canna combinata)
  • Canna fumaria collettiva ramificata (C.C.R.): condotto che collega caldaie a camera aperta installati su più piani di un edificio, realizzato da una serie di condotti singoli (secondari) a piano, e un collettore (primario) nel quale confluiscono i prodotti della combustione provenienti dai secondari tramite un deviatore.


Le tipologie di caldaie sul mercato differiscono anche per la collocazione dei camini/canne fumarie all’esterno o all’interno dell’edificio: in quest’ultimo caso si parla di sistema intubato in cavedio o asola tecnica (ossia un vano verticale, che collega tutti i piani, con perimetro chiuso rispetto gli ambienti interni, costruito con materiali non combustibili, libero e per uso esclusivo).


E queste sono solo alcune delle differenze che intercorrono tra i vari modelli di caldaie acquistabili (dal momento che altre riguardano il comignolo, e altre ancora l’installazione del sistema di scarico dei fumi -che può essere a sistema-camino o a Camino composito-): se a questo punto scegliere il tipo di caldaia in commercio vi sembra ancora più difficile, vi suggeriamo di contattare uno dei nostri esperti impiantisti tramite il semplicissimo form a disposizione sul portale.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto