Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti

30 Aprile 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture foto articolo Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture foto articolo Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture foto articolo

Il reato di dichiarazione fraudolenta mediante l'uso di fatture o di altri documenti per operazioni inesistenti è previsto e punito dall' art. 2, d.lgs. n. 74/2000, che stabilisce la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni (se l’ammontare degli elementi passivi fittizi è inferiore a euro 154.937,07 si applica la reclusione da sei mesi a due anni): si tratta della fattispecie sanzionatoria più grave fra quelle regolate dalla normativa di riforma del sistema penale tributario, e tale severità deriva dalle molteplici difficoltà che essa crea nell’accertamento dell' imposta dovuta all’Erario.

A partire dal 2015 la sanzione penale si applica a tutte le dichiarazioni relative alle imposte sui redditi e all'IVA, anche a quelle presentate in occasione di operazioni straordinarie o durante procedure concorsuali.

Tuttavia, secondo la Cassazione, la fattispecie delittuosa si considera perfezionata solo con l’effettiva dichiarazione riportante elementi passivi fittizi, non essendo il reato punibile a titolo di tentativo, per cui tutto ciò che è antecedente alla dichiarazione non assume rilevanza ai fini della sua integrazione.

Le operazioni inesistenti cui si fa riferimento quando si tratta di dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture o di altri documenti possono essere:
  • operazioni mai effettuate e quindi inesistenti oggettivamente;
  • operazioni effettuate, ma per le quali si indica una fatturazione superiore rispetto a quella reale (si compie, cioè, una sovrafatturazione);
  • operazioni che sono state effettuate ma tra soggetti diversi, avvalendosi di soggetti interposti, vale a dire società cartiere, cioè che non producono niente e non sono operative ma vengono create apposta per evadere le tasse: il soggetto interposto incassa l’IVA sulla falsa fattura che ha emesso, senza riversarla poi allo Stato.

A proposito dell’ultimo punto, dunque, affinché si integri la definizione di operazione soggettivamente inesistente è essenziale che l’operazione non intercorra fra i soggetti indicati nella fattura o in altro documento fiscale equipollente: vale a dire che è necessario che uno dei soggetti sia rimasto del tutto estraneo all’operazione commerciale.

Ne deriva che le fatture emesse da parte dei fornitori o prestatori d’opera nei confronti del committente o cessionario che ha effettuato il pagamento non possono qualificarsi come fatture per operazioni soggettivamente inesistenti.

Per effetto della legge 148/2011 i nuovi termini di prescrizione per i reati tributari sono aumentati: per quanto concerne i reati relativi a dichiarazioni fraudolente ottenute con fatture false o false movimentazioni, omesse dichiarazioni, occultamento di scritture contabili, etc., i termini ordinari sono aumentati di 1/3 ovvero da 6 anni si passa ad 8 anni.

Poiché come detto il reato di dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture o di altri documenti per operazioni inesistenti è punito in maniera assai severa è bene essere trasparenti nella gestione della fiscalità della propria azienda, avvalendosi di una buona consulenza tributaria, come quella garantita dagli avvocati tributaristi nostri partner.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto