Tipologie di pavimentazioni sul mercato: dal marmo al PVC, dall'acciaio inox al legno

05 Febbraio 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

foto principale per articolo tipologie di pavimento foto principale per articolo tipologie di pavimento foto principale per articolo tipologie di pavimento

Molti sono i tipi di pavimenti disponibili in commercio, e in questo nostro contributo abbiamo deciso di soffermarci sulle caratteristiche principali di ognuna di esse.


Partiamo dalle pavimentazioni in ceramica, che si contraddistinguono per la resistenza e l’adattabilità ai più svariati ambienti, ma che presentano pregi e difetti differenti a seconda della tipologia:
  • terracotta, ottenuta cuocendo l’argilla, qualora ricoperta di materiale vetroso assume un aspetto liscio e brillante
  • maiolica, anche in questo caso si inforna l’argilla, ma la differenza rispetto alla terracotta è un doppio passaggio, giacché la seconda infornata serve a cuocere il rivestimento smaltato
  • gres: si tratta di una pasta argillosa resa più resistente tramite l’aggiunta di specifiche sostanze, sottoposta a un trattamento di vetrificazione che la rende lucida.


Passiamo ai pavimenti in marmo, pietra naturale affascinante ma piuttosto costosa, per vi sia delle spese di estrazione e trasporto che per quelle di lavorazione e posa, richiedendo manodopera altamente specializzata, e tempi non proprio stringati, giacché è richiesto circa un mese prima di poter procedere con la levigatura e la lucidatura.


In aggiunta, questa tipologia di pavimenti disponibili in commercio richiede una costante cura e manutenzione, onde evitare abrasioni e graffi: ragion per cui si sconsiglia di adoperalo come pavimentazione della cucina, trattandosi di una pietra naturale che, sebbene trattata, resta porosa e soggetta alle aggressioni delle sostanze acide.


Tuttavia, a fronte di questi che possono chiaramente rappresentare deterrenti, tra i pregi delle pavimentazioni in marmo presenti in commercio ci sono l’ampiezza di toni e colori disponibili (che vanno dal bianco al rosa, dall’ocra al verde malakite, dal blu lapislazzulo al rosso damasco) e il senso di raffinatezza ed eleganza propri di questo materiale.


Una versione particolare realizzata con granuli di marmo è il pavimento alla veneziana (o palladiana , qualora vengano adoperate scaglie di pietra più grosse): pavimentazioni uniche, poiché totalmente personalizzabili nei decori e nei colori, resistenti, capaci di assorbire grandi sollecitazioni.


Altro tipo di pavimentazione reperibile sul mercato è il travertino: si tratta di una roccia sedimentaria di origine calcarea, resistente, poco assorbente, duratura, che non soffre agenti atmosferici, ed è pure antigeliva e antiscivolo (quindi adatta all’uso esterno).


Il granito, a differenza delle due pietre precedenti, è un materiale di difficile lavorabilità e lucidabilità, che dunque presenta una resa estetica inferiore ma caratteristiche tecniche superiori: peso specifico modesto ma elevata resistenza all'usura, alla compressione e all'abrasione, durevole e molto indicata per ambienti esterni, quasi indifferente agli acidi, disponibile in svariate tonalità che vanno dal bianco al grigio, fino al rosa e al rosso.


Tra i pavimenti acquistabili quelli in ardesia consentono soluzioni estetiche estremamente originali e moderne: tuttavia, in merito alla pulizia, è bene evitare prodotti acidi o con anticalcari che potrebbero scolorirlo, limitandosi a comuni detergenti non aggressivi.


Conclusa la disamina sui prodotti in pietre naturali, passiamo ad una tipologia di pavimenti completamente differente, quelli in PVC, a loro volta differenziati in omogeneo (composto) ed eterogeneo (multistrato): i secondi sono formati da una copertura superficiale che conferisce lucentezza e protezione dall’usura, uno strato intermedio e una finitura sul retro che salvaguarda da umidità e muffa e che determina il tipo di adesivo necessario alla posa in opera (nel caso in cui si tratti di lamine o quadrati che vengono applicati per mezzo di un adesivo speciale, mentre per le piastrelle e doghe esistono varianti ad incastro). 


Anche i metalli possono essere adoperati per realizzare alcuni tipi di pavimento in commercio?
Certo che sì! Basti pensare a quelli in acciaio inox, disponibili in un’ampia gamma di dimensioni e formati, come i recenti moduli curvi che lo rendono adatto anche per il rivestimento di pilastri e colonne, e molto utili in ambienti che devono garantire elevati livelli di igienicità.


Rispetto ai pavimenti in parquet e a quelli in resina rimandiamo agli articoli dedicati, e ci soffermiamo invece sulla moquette, un tipo di copertura costituita da un supporto in lattice di gomma, juta, o materiale sintetico, nel quale vengono inseriti diversi tipi di filati, sintetici oppure naturali, e che, a differenza di quanto si è indotti a credere, riduce i livelli di polvere in sospensione fino all’ 80% (rispetto ad altri pavimenti).
Altri vantaggi sono un’ottima proprietà di isolamento termico, e una svariata gamma di colori e disegni, fibre e spessori disponibili.


Volete sapere come manutenere una moquette?
Come pulire adeguatamente il granito?
Quali fra le diverse tipologie di pavimenti descritte installare in casa vostra dal momento che possedete degli animali domestici?


Chiedetelo direttamente ai professionisti che fanno parte della nostra piattaforma e approfittatene anche per farvi realizzare un preventivo gratuito per l’installazione

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto