Impermeabilizzazione delle coperture

24 Aprile 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

foto principale per articolo impermeabilizzazione delle coperture foto principale per articolo impermeabilizzazione delle coperture foto principale per articolo impermeabilizzazione delle coperture

Prima di analizzare come una copertura possa essere impermeabilizzata, è bene sottolineare che esistono diversi tipi di coperture:
  • coperture continue
  • coperture discontinue
  • ventilate/non ventilate
  • isolate/non isolate
  • accessibile esclusivamente per manutenzione
  • accessibile ai pedoni
  • accessibile ai veicoli leggeri
  • accessibile ai veicoli pesanti
  • copertura con funzioni di giardino pensile
  • coperture planari orizzontali (con pendenza inferiore a 1%)
  • coperture planari suborizzontali (pendenza tra 1% e 5%.)
  • coperture planari inclinate (pendenza superiore a 5%)
  • coperture curve.


Per ognuna l’impermeabilizzazione della copertura è specifica.


Ad esempio, le coperture continue non richiedono né particolari pendenze né specifiche morfologie, avvalendosi solo del carattere stagno dello strato di tenuta.
Invece per le coperture discontinue la tenuta all'acqua è subordinata a particolari pendenze della struttura, che impediscono infiltrazioni attraverso la discontinuità dello strato di tenuta.


Detto questo, dal momento che nell’articoloL’importanza di un tetto correttamente impermeabilizzato abbiamo affrontato la questione dei diversi materiali che possono essere adoperati per impermeabilizzare una copertura, adesso ci sembrava interessante presentare e analizzare alcuni dei prodotti lì citati e disponibili in commercio.


Tra questi DERBIGUM® Safe, una membrana certificata per applicazione a freddo che evita rumori, fumi e odori delle applicazioni tradizionali a fiamme libere, al cui posto adopera uno speciale adesivo.
Questo sistema a freddo garantisce inoltre la settorizzazione della copertura grazie alla totale adesione dell’elemento di tenuta al supporto, per cui è ideale per la realizzazione di tetti verdi.


Tra le membrane prefabbricate bituminose spicca MEGAVER, realizzata con bitume modificato con polimeri elastomerici di nuova generazione (BPE), con flessibilità a freddo di –25°C, e armatura costituita da tessuto-non tessuto di poliestere rinforzato con fibre di vetro.
Si tratta di un prodotto adatto anche per coperture con forme difficili e ad alto valore architettonico, grazie alla sua notevole adesione.


Anche Adesso è una membrana bituminosa autoadesiva, che vi presentiamo soprattutto perché l’azienda produttrice, la Polyglass, in ogni fase produttiva rispetta l’ambiente e adotta criteri di sostenibilità, impegnata nella ricerca di prodotti per il miglioramento dell’efficienza energetica e a basso impatto ambientale, per cui si tratta di un prodotto facile da applicare, dalle sovrapposizioni sicure e perfette grazie agli esclusivi brevetti FASTLap® e SEALLap®, ed ecologiche.


Ma la Polyglass produce anche membrane impermeabilizzanti prefabbricate autoprotette, come ALUSHIELD, autoprotetta con una lamina di alluminio, goffrata durante la calandratura in continuo. É armata con un tessuto di vetro ad elevata resistenza e la mescola è a base di bitume ossidato fillerizzato. Le particolari dimensioni della goffratura, realizzata con un procedimento che permette di ottenere la libera dilatazione del metallo, insieme alla qualità dell’armatura impiegata e al posizionamento della stessa all’interno della massa bituminosa, garantiscono la resistenza a sbalzi termici anche molto elevati.


A proposito di membrane impermeabilizzanti l'impermeabilizzazione delle coperture ADESOLO è un monostrato armato ad elevate prestazioni in bitume elastomerico SBS autoadesivo, con autoprotezione in graniglia minerale colorata in superficie, destinato in particolare alla realizzazione di impermeabilizzazioni monostrato di coperture inaccessibili.


La MasterSeal 345 è una membrana spruzzabile per l'impermeabilizzazione di strutture in calcestruzzo che mostra un'elevata resistenza dell'aderenza ai substrati su entrambi i lati, con una buona elasticità.
Sintetizzando, i benefici di adoperare questo materiale sono:
  • facile applicabilità (spruzzandola)
  • doppia adesione;
  • rapida stagionatura (che evita l'interruzione delle operazioni di costruzione);
  • ottima tenuta all'acqua (senza migrazione nelle due interfacce della membrana di calcestruzzo).


Se la precedente è spruzzabile, questa è liquida: si tratta di MAPELASTIC® AquaDefense, ad asciugamento rapido, pronta all’uso per balconi e terrazze bagni, docce, saune e ambienti umidi in genere, da applicare sotto ceramica, marmo e mosaico, in interni ed esterni.
Questo prodotto ha tra i suoi principali vantaggi la rapidità di asciugatura, l’indipendenza di armatura, l’applicabilità a pennello o a rullo, l’economicità (con un fustino da 15 kg si può impermeabilizzare una superficie di oltre 15 m2 e, anche se non viene utilizzato tutto il contenuto della confezione, il prodotto che rimane è sempre riutilizzabile in quanto preserva le sue caratteristiche).


È chiaro che però, per quanto eccellenti possano essere questi prodotti, un’impermeabilizzazione, per essere ben eseguita, necessita di manodopera esperta: quella che è possibile trovare sul nostro portale alla sezione dedicata, in qualunque zona d’Italia vi troviate…

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto