A cosa serve il sequestro conservativo: quando e come può essere applicato, e le differenze dal sequestro giudiziario

12 Gennaio 2016 - Redazione

Vota

Voto 4 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

foto articolo sequestro conservativo foto articolo sequestro conservativo foto articolo sequestro conservativo

Nel momento in cui un imprenditore insolvente venga dichiarato fallito, e si aprano le procedure di liquidazione degli eventuali creditori, è possibile procedere ad un sequestro conservativo.

A cosa serve il sequestro conservativo?
Serve a impedire che l’imprenditore che ha contratto debiti che si è mostrato incapace di saldare, possa intervenire per diminuire il proprio patrimonio soggetto a liquidazione coatta amministrativa, che potrebbe impedire ai creditore di godere (in tutto o in parte) del saldo delle somme vantate nei confronti del fallito. 

A cosa può essere applicato il sequestro conservativo?
L’articolo 671 c.p.c. ha innovato la materia, introducendo la possibilità che il sequestro conservativo sia applicabile anche ai beni immobili del debitore, e non solo a quelli mobili o ai crediti, come in precedenza. 

Quando può essere applicato il sequestro conservativo?
L’articolo di cui sopra stabilisce anche le evenienze nelle quali è possibile ricorrere a questo istituto, e cioè tutte le volte in cui sussista il fondato timore che il creditore perda la garanzia del proprio credito (quindi non più soltanto singole e specifiche fattispecie, come la possibilità di fuga del debitore, o comunque il timore che possa intervenire sul patrimonio e sottrarlo o depauperarlo, com’era in precedenza).
 
Dunque, il sequestro conservativo ha carattere preventivo, e ha la facoltà di agire immediatamente sui beni che vi si assoggettano, che vengono sottratti alla libera disponibilità del proprietario sia da un punto di vista materiale che giuridico. 
Il sequestro conservativo impedisce quindi all’imprenditore di disporre in alcun modo del proprio patrimonio per tutta la durata del processo e, nel caso in cui questo si concluda con una sentenza di condanna, si traduce naturalmente in un pignoramento dei beni sequestrati, che è l’atto con cui si inizia l'espropriazione forzata. 

La differenza tra il sequestro conservativo e il sequestro giudiziario.
Se, come detto, il sequestro conservativo viene applicato per cristallizzare una situazione di fatto impedendo che possa essere modificata a danno di quanti hanno diritti da far valere, senza però rap¬presentare un'espropriazione di beni (che continuano comunque ad annoverarsi nel patrimonio del de¬bitore), si ricorre invece al sequestro giudiziario delle cose mobili o immobili nel momento in cui ci sia controversia sulla proprietà o il possesso delle stesse, per cui necessita la loro custodia o gestione temporanea, fino a che sia appunto diramata la questione dell’appartenenza (vi si ricorre anche nel caso di libri, registri, documenti, su cui sussista diatriba rispetto al diritto di esibizione o comunicazione). Come detto si tratta di una misura temporanea, la cui efficacia decade nel caso in cui, trascorsi 30 giorni, non sia seguita una pronuncia di autorizzazione.
 
In conclusione, sia il sequestro conservativo che il sequestro giudiziario hanno lo scopo di garantire che un certo bene non venga violato, leso, impoverito, ma differiscono in merito all’evenienza di utilizzo: nel primo caso l’appartenenza del bene (o patrimonio) è certa (ma va “ridistribuita” ai legittimi richiedenti), nel caso del sequestro giudiziario invece è la paternità stessa del bene (o patrimonio) a non essere certa (o ad essere messa in discussione).
 
Per approfondimenti o consulenze è possibile richiedere agli avvocati del network un primo appuntamento o una consulenza preliminare gratuita attraverso questa pagina di contatto: link contatto con avvocati



Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto