Reati contro gli animali:quali sono e come vengono puniti

03 Maggio 2018 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

foto principale per articolo reati contro gli animale foto principale per articolo reati contro gli animale foto principale per articolo reati contro gli animale

Il codice penale tutela gli animali da violenze e maltrattamenti: la legge in materia siintitola “DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI”, e nel corso degli anni ha registrato un inasprimento delle pene (quanto però questo abbia realmente inciso, determinando una riduzione dei reati contro gli animali, non spetta a noi dirlo). Vediamo quali condotte sono riconosciute reati a danno degli animali e quali sono le ripercussioni che la legge prevede contro i fautori di tali deplorevoli comportamenti.



Uccisione di animali

L’autore dell’uccisione di un animale viene punito dal codice penale punisce con la reclusione da quattro mesi a due anni, qualora questi agisca per crudeltà o senza necessità, e non piuttosto per evitare un pericolo imminente o per impedire l’aggravamento di un danno alla persona (uniche circostanze che giustificano la condotta).


Interessante notare come in passato il periodo di detenzione andasse da tre a diciotto mesi.



Maltrattamento di animali

Allo stesso modo la legge punisce chi per crudeltà o senza necessità provoca una lesione ad un animale, lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche (cioè proprie della sua specie).


La sanzione prevede la reclusione da tre a diciotto mesi o la multa da cinquemila a trentamila euro chiunque (in precedenza la detenzione andava da tre mesi a un anno, e la multa da 3.000 a 15.000 euro), che vengono aumentati della metà se da questi fatti deriva la morte dell’animale.


La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate, o li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla loro salute.


Interessante a tal proposito il dibattito in merito all’utilizzo del collare elettrico per cani: prima la Corte di Cassazione aveva stabilito che l’abuso di questo strumento integrasse il reato di maltrattamento di animali stanti le sofferenze non giustificate causate all’animale; poi, più di recente, ha stabilito che esso è sì illegale, ma integra la semplice contravvenzione di abbandono di animali reato all’interno del quale è sanzionata anche la condotta di chi detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze (reato punibile con l’arresto fino a un anno o con l’ammenda da mille a diecimila euro).
Questo perché l’addestramento basato sul dolore costituisce reato, ma non rappresenta una vera e propria sevizia, né cagiona una reale lesione.



Spettacoli vietati

Il codice penale punisce chi organizza o promuove spettacoli o manifestazioni che comportino sevizie o strazio per gli animali infliggendo una pena detentiva da quattro mesi a due anni e la multa da tremila a quindicimila euro, aumentata da un terzo alla metà se essi sono commessi in relazione all’esercizio di scommesse clandestine o al fine di trarne profitto per sé o altri, oppure nel caso in cui ne derivi la morte dell’animale.



Divieto di combattimenti

Rischia il carcere da uno a tre anni e la multa da cinquantamila a centosessantamila euro chi promuove, organizza o dirige combattimenti o competizioni non autorizzate tra animali che possono metterne in pericolo l’integrità fisica.


Pena aumentata da un terzo alla metà nel caso in cui:
  • alle attività di cui sopra partecipino anche minorenni o persone armate;
  • le attività sono promosse con video o simili contenenti scene o immagini dei combattimenti o delle competizioni;
  • i combattimenti tra animali o le competizioni vengono filmate.


La reclusione da tre mesi a due anni e la multa da cinquemila a trentamila euro la rischiano anche allevatori o addestratori che preparano gli animali ai combattimenti anche per conto di terzi, proprietari o detentori di animali impiegati agli stessi fini, e organizzatori e scommettitori di combattimenti tra animali.


Nel caso di condanna è sempre ordinata la confisca dell'animale (salvo che appartenga a persona estranea al reato), e in più è prevista la sospensione da tre mesi a tre anni dell'attività di trasporto, di commercio o di allevamento degli animali se la sentenza colpisce chi svolge tali attività). In caso di recidiva è disposta l'interdizione dall'esercizio delle attività medesime.


Siete venuti a conoscenza che non lontano da casa vostra vengono organizzati combattimenti tra galli?

Avete visto in una campagna della zona un cavallo ridotto pelle e ossa e tenuto a catena?

Assistete quotidianamente ai maltrattamenti a cui la vostra vicina sottopone il suo cane, lasciandolo fuori ad un balconcino striminzito senza acqua né cibo sotto il sole cocente o la pioggia battente?


Non tacete!

Ricordate che si tratta di essere viventi, che meritano amore e rispetto.

Quindi, se volete denunciare uno dei fatti incresciosi di cui sopra ma non sapete come fare potrete chiedere consiglio tramite il nostro form ad uno degli avvocati penalisti nostri partner.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto