Avvocato per reato di spaccio stupefacenti: tutto quello che c'è da sapere e come fare per richiedere una consulenza.

23 Agosto 2022 - Redazione

Vota

Voto 5 su 1 voti

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.

Avvocato per reato di spaccio stupefacenti+▷ Avvocato per  reato di spaccio stupefacenti: trova il tuo Avvocato Avvocato per reato di spaccio stupefacenti+▷ Avvocato per  reato di spaccio stupefacenti: trova il tuo Avvocato Avvocato per reato di spaccio stupefacenti+▷ Avvocato per  reato di spaccio stupefacenti: trova il tuo Avvocato

L'importanza di avere al proprio fianco un avvocato per il reato di spaccio stupefacenti

Diversamente da come si potrebbe pensare, essere in possesso di sostanze stupefacenti non equivale all'aver commesso reato di spaccio. Per avere maggiori consapevolezze in ordine al reato in esame, è fondamentale conoscere il Testo Unico sugli stupefacenti, ovvero il D.P.R. 309/1990.

Le condotte previste da questo testo normativo sono penalmente sanzionate solo ed esclusivamente quando vengono effettuate in mancanza di autorizzazioni necessarie.

 

Quando si parla di spaccio

In virtù della novella introdotta dalla legge n. 49 del 2006, l’uso personale di sostanze stupefacenti è stato depenalizzato. Questo significa che l’uso personale ormai costituisce un illecito amministrativo non rilevante da un punto di vista penale. Tuttavia, non appena si eccede il quantitativo di minimo dell’uso personale, la condotta assume nuovamente rilevanza penale.

Ai sensi dell’articolo 73 comma 1 bis del Testo Unico 309/1990 spacciare, e lo stesso dicasi per importazione, esportazione, acquisto, ricezione o detenzione, sostanze stupefacenti e psicotrope in quantità non modiche, salvo il caso di utilizzo terapeutico delle droghe alienate o acquistate, così come disposto dall’art. 72 del Testo Unico 309/1990.

messa alla prova per reato di spaccio  

Quando lo spaccio è di lieve entità

In questi casi il giudice potrebbe anche concedere un ulteriore sconto di pena applicando l’attenuante generica di cui all’art. 62 n.4 del codice penale. Sul tema si è espressa di recente anche la Suprema Corte di Cassazione la quale ha affermato che: “In tema di stupefacenti, la circostanza attenuante del lucro e dell’evento di speciale tenuità di cui all’art. 62, n. 4, cod. pen. è compatibile con la fattispecie di lieve entità, prevista dall’art. 73, comma 5, D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309”.

 

Cosa dice l'articolo 73 e cosa si rischia per il reato di spaccio

L’articolo 73 del Testo Unico sugli stupefacenti è la norma chiave in tema di reato di spaccio. La norma è rubricata come “Produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope” e prevede sanzioni piuttosto aspre per questa figura di reato. 

"Chiunque coltiva, produce, fabbrica, estrae, raffina, vende, offre o mette in vendita, cede, distribuisce, commercia, trasporta, procura ad altri, invia, passa o spedisce in transito, consegna per qualunque scopo sostanze stupefacenti o psicotrope di cui alla tabella I prevista dall’articolo 14, è punito con la reclusione da sei a venti anni e con la multa da euro 26.000 a euro 260.000."

Ancora, l’art. 73 dispone che "chiunque, senza l’autorizzazione di cui all’articolo 17, importa, esporta, acquista, riceve a qualsiasi titolo o comunque illecitamente detiene sostanze stupefacenti o psicotrope che per quantità, in particolare se superiore ai limiti massimi indicati con decreto del Ministro della salute (...) ovvero per modalità di presentazione, avuto riguardo al peso lordo complessivo o al confezionamento frazionato, ovvero per altre circostanze dell’azione, appaiono destinate ad un uso non esclusivamente personale (...) la pena in questo caso è la stessa prevista nell’ipotesi precedente." Infine, prevede che "chiunque, essendo munito dell’autorizzazione di cui all’articolo 17, illecitamente cede, mette o procura che altri metta in commercio le sostanze o le preparazioni indicate nelle tabelle I e II di cui all’articolo 14. La condotta è punita con la reclusione da sei a ventidue anni e con la multa da euro 26.000 a euro 300.000."

reato di spaccio codice penale  

Come difendersi dall'accusa di spaccio

Come anticipato, le pene previste per il reato di spaccio sono piuttosto severe. Questo perché il legislatore cerca di stigmatizzare tali condotte, caratterizzate da un notevole disvalore sociale. Vista la posta in gioco quindi, qualora si dovesse essere accusati di tale reato è fondamentale rivolgersi ad avvocati specializzati nel diritto penale, magari con una comprovata esperienza.

Se sei alla ricerca di un professionista in questo ambito, Quotalo.it è ti permette di metterti in contatto con l'avvocato più vicino a cui chiedere tutte le informazioni che ti servono o una consulenza legale.

Richiedi Preventivi

Gratuitamente e in 1 solo minuto.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti al loro utilizzo in accordo alla policy sui cookie.    Leggi Policy
Accetto